5 consigli per stimolare il linguaggio di tuo figlio

stimolare_bambino_logopedia_dsa

NON SI IMPARA DA SOLI A PARLARE

Il linguaggio è un processo lento e complesso, composto da diverse fasi che iniziano ad avere luogo fin da piccoli.

I primi anni di vita di un bambino sono fondamentali per lo sviluppo di tutte le abilità volte all’apprendimento del linguaggio, che si sviluppa contemporaneamente alle altre capacità cognitive e relazionali. Ma, come ogni cosa, il bambino ha bisogno di tempo e necessita di stimoli adatti, e la persona migliore per incuriosirlo sono i suoi genitori.

È impensabile aspettarsi che vostro figlio apprenda tutto subito senza ricevere un buon esempio e i giusti feedback che gli servono per rafforzare ciò che ha già appreso.

COME POSSO STIMOLARE IL LINGUAGGIO?

Ci piacerebbe proporre 5 consigli su come aiutare vostro figlio a sviluppare una buona predisposizione al dialogo e all’ascolto (anch’esso utile per immagazzinare sempre più nuove informazioni sull’utilizzo del linguaggio):

  • Ascoltate canzoncine, a casa o in macchina, e ripetete filastrocche insieme, per favorire nel bambino il senso del ritmo da cui l’evoluzione del linguaggio umano ha origine; infatti la comunicazione è migliore quando i messaggi sono scanditi secondo una cadenza naturale
  • Leggete dei libri con vostro figlio, in modo da suscitare tanta curiosità nel piccolo; questa attività è molto utile sia per quanto riguarda la storia in sé, sia per aumentare il suo vocabolario tramite la scoperta di nuove parole.
  • Dialogate sempre quando è possibile e fate tante domande che abbiano la possibilità di un’ampia risposta, anche quando giocate; verrà così stimolata la sua fantasia e si aumenterà l’allenamento del parlare.
  • Quando vostro figlio fa degli errori grammaticali, correggetelo gentilmente, senza far passare il suo errore per una grave colpa. Da bambini sono molto frequenti errori di concordanza di genere, di numero o quella tra soggetto e verbo (come ad esempio: “i fiori cresce”); sbagliando si impara, se si ottiene una correzione costruttiva.
  • Riconoscete la sua bravura in tutte le occasioni possibili per dimostrargli che quello che fa è interessante e vi piace; interrompendo o dicendo le parole al posto del bambino, spesso può farlo sentire inadatto alla situazione e potrebbe arrivare a chiudersi, parlando sempre meno.

OGNI GENITORE È IL MODELLO DEL PROPRIO FIGLIO

Dobbiamo sempre ricordare che il bambino è come una spugna, ovvero assorbe tutti gli stimoli che lo circondano, e la ripetizione delle azioni degli adulti è qualcosa di importante che lo appaga e lo fa sentire grande.

Molte volte pensiamo più ad avere il figlio ideale con un futuro perfetto, piuttosto che concentrarci sulle piccole cose che si possono fare al momento, sottovalutando l’importanza del nostro ruolo nella sua crescita.

Se, ad esempio, non voglio che mio figlio urli, non devo farlo neanche io; se voglio che mio figlio si abitui a togliere le scarpe all’ingresso prima di entrare in casa, devo dargli l’esempio e farlo con lui, dandogli un modello da seguire.

Per cui, ogni azione, positiva o negativa, svolta dall’adulto ne influenza la crescita; il genitore è la persona con cui il bambino stringe il legame più forte, quindi le interazioni tra voi due sono fondamentali per lo sviluppo.

 

Dott.ssa  Denise Repanati

Logopedista

Nessun prodotto nel carrello.