Il Trono di Spade: psicologia dei personaggi

trono di spade

A poche settimane giorni dalla fine della serie tv più vista di tutti i tempi, ci troviamo a tirare le somme davanti agli intrecci, ai personaggi e alle situazioni che hanno tenuto incollati allo schermo milioni e milioni di fan in tutto il mondo. Parliamo del Trono di Spade, la fortunata serie della HBO che si è conclusa in tutta fretta lasciando aperti molti quesiti.

Tuttavia, al di là degli interrogativi che il finale della serie ci ha lasciato, la complessità dei personaggi della storia potrebbe ispirare decine di romanzi. Sarebbe infatti riduttivo definire Game Of Thrones come una storia sulla guerra, il potere e la politica in un’epoca di draghi e cavalieri. I personaggi che vi agiscono hanno personalità complesse e multisfaccettate, spesso anche contraddistinte da problemi di salute mentale

La resilienza di Arya Stark

Nelle sue azioni, Arya è guidata dall’autodeterminazione e dalla tenacia mentale. Per gli altri, questo appare “insolito e fastidioso”, perché le giovani donne di Westeros dovrebbero essere docili, se non completamente inerti. A differenza della sorella Sansa, Arya Stark non è conforme al genere: le piace combattere ed esplorare, non danzare e cucire. Allevata secondo i principi del dovere e dell’onore, inizia il suo viaggio con una forte convinzione che il mondo sia giusto e che le brave persone prevalgano. La disillusione si stabilisce subito dopo la decapitazione del padre. Arya si rende conto che non può dipendere dagli altri; lei deve tirare fuori dalle sue forze per vincere le vere minacce della vita, per quanto brutali e pericolose.

Nel corso del tempo, l’impulsività e l’esuberanza giovanile di Arya lasciano il posto a una caratteristica nota come resilienza psicologica. La resilienza si riferisce alla propria capacità di riprendersi o riprendersi dalle avversità e dalle esperienze traumatiche. È un’abilità autoprotettiva. Arya dimostra non solo una resistenza per superare le difficoltà – in realtà impara da esperienze difficili per diventare più forte. Usa il suo dolore – il suo dolore, la rabbia, l’impotenza – per trasformare e potenziare se stessa.

Il narcisismo di Cersei Lannister

La narcisista per eccellenza della serie, va ben oltre la sua ferma convinzione di meritare il Trono di Spade. Il suo bisogno di essere apprezzata dagli altri è palese da subito e, nel corso delle stagioni, capiamo che è capace di tutto per ottenere ciò che vuole. Mantenere l’immagine  e lo status è fondamentale per la personalità di Cersei Lannister. Ma non lo fa ricorrendo al tatto e alla fermezza: Cersei sfrutta la paura della gente per porre il suo controllo.

E’ incredibilmente consapevole delle sue capacità, tanto da rendersi conto che accanto a leader inefficaci come King Baratheon, la sua presenza esige intimidazione e rivela le debolezze degli altri. Dopo aver orchestrato la morte di Re Baratheon in quello che sarà percepito come un incidente di caccia, emerge la forma più vera di Cersei: quella di una narcisista vulnerabile. Il senso di grandiosità e superiorità sugli altri si coniugano con dei tratti fortemente egocentrici, che la portano a creare una percezione distorta della realtà. Per Cersei il mondo ruota intorno alla sua persona. Giudica il suo valore personale solo in relazione agli altri; quindi, ha bisogno di svalutarli. 

Un’altra resiliente: Daenerys Targaryen

La Madre dei Draghi è sicura, determinata e notevolmente resiliente. Il suo desiderio ossessivo di rivendicare il Trono di Spade è molto più motivato dalla sua convinzione di essere l’erede legittimo che dal desiderio di essere in una posizione di potere. Il vantaggio che ha rispetto agli altri è la sua naturale capacità di leadership e la sua capacità di ascoltare attentamente i suoi consiglieri, senza i quali potrebbe facilmente diventare un altro guerriero interessato al Trono.

Man mano che guadagna potere, Daenerys impara ad adottare i costumi e le credenze delle culture che guida, dimostrando una grande flessibilità psicologica. A sua volta, è in grado di influenzare le pratiche relative a questioni socio-politiche importanti per lei – come ad esempio il trattamento dei membri oppressi della comunità, specialmente schiavi e donne. Le sue azioni sono mosse dalla giustizia e dalla libertà, e possono essere condensate nel semplice messaggio: “Prenderò ciò che è mio con il fuoco e il sangue”.

La scarsa autostima di Jon Snow

Mentre Cersei e Daenerys sono espressi nel cast narrativo come diametralmente opposti, è Jon Snow ad avvicinarsi all’immagine speculare di Cersei. E a differenza di Arya, non crede di possedere abilità straordinarie. Se mai, è uno dei pochi personaggi principali a non avere una grande autostima di sé. Crescere come il “figlio bastardo” di Ned Stark ha dato forma alla personalità di Jon in modo significativo. Sebbene fosse ben accettato nella famiglia Stark dalle sue presunte sorellastre e fratelli, Jon ha perennemente lottato con lo sconforto e la solitudine. Era sempre tra loro, ma non uno di loro.

Tuttavia, invece di ribellarsi, Jon sviluppa un forte senso di umiltà e onore. Egli interiorizza i principi di suo padre in merito al suo dovere civico, guadagnandosi un proprio status e divenendo un membro produttivo e responsabile all’interno della società. Al contrario di altri personaggi, agisce con lealtà e cooperazione, e la sua immancabile onestà ostacola una potenziale alleanza con i Lannister e le loro forze. Non è sicuro di se stesso ed è timido – l’esatto contrario di un leader – il che lo rende ancora più simile all’archetipo classico dell’eroe che impara dalle avversità e diventa la figura centrale. 

Il disturbo antisociale di Joffrey Baratheon

Pochi personaggi di GoT hanno suscitato così tante emozioni negative come Joffrey. La sua incredibile incapacità di aderire alle norme sociali, l’uso degli altri per il proprio tornaconto personale, l’alto grado di impulsività o incapacità di pianificare, l’irritabilità, l’aggressività e l’apparente mancanza di rimorso sono caratteristiche che ci fanno pensare che, nonostante la sua giovane età, Joffrey soffra di disturbo antisociale della personalità. E’ un personaggio sadico e perverso, basti pensare a quando fa assistere Sansa Stark alla decapitazione del padre. 

Il re Joffrey ha sempre mostrato una personalità arrogante e narcisistica, addirittura derivante dall’adolescenza. Tuttavia, nel passaggio dall’adolescenza alla fase adulta, possiamo vedere la sua personalità trasformarsi in qualcosa di più sinistro. Comincia a mostrare una chiara eccitazione sessuale al pensiero di fare del male agli altri e di uccidere individui che percepisce come inferiori a lui. Joffrey manca di rimorso o senso di colpa. Possiamo vederlo chiaramente all’inizio quando uccide il lupo di Sansa, uccide suo padre, Eddard Stark, e successivamente fa torturare e uccidere le prostitute per il suo piacere sessuale. Le sue decisioni di governo sono spinte dal narcisismo e dalla rabbia, e non si assume alcuna responsabilità delle sue azioni, sebbene cerchi di affermare il suo predominio attraverso il suo ruolo di re, anche su sua madre.

Tyrion Lannister

In virtù del suo cognome, Tyrion ha un desiderio congenito di superare in astuzia i suoi rivali ed emergere vittorioso. Ma qui finisce la sua somiglianza con la sorella Cersei. La donna lo ritiene responsabile della morte della madre perché è morta mentre lo ha partorito. Scontare la morte di sua madre è un onere che Tyrion porterà con sé per tutta la sua vita e, indipendentemente da quanto “buono” egli cerchi di essere, questa trasgressione continuerà a manifestarsi come insicurezza e autopunizione.  

Sapendo di essere visto come una mostruosità, Tyrion impara ad adattare il suo io interiore per compensare il suo aspetto esteriore. Sapendo cosa si prova a essere svalutato, Tyrion non ha mai dovuto ricorrere alla crudeltà, e nei casi più rari in cui canalizza la cattiveria, è spesso diretto al sé in una battuta finale. “Non dimenticare mai quello che sei”, Tyrion dice a Jon Snow, nel tentativo di difendere l’unicità di Jon. Essere completamente autentico significa rappresentare ogni aspetto di noi stessi, anche quelli che troviamo vergognosi e vulnerabili. L’umorismo di Tyrion, la consapevolezza di sé e la natura solidale smentiscono ogni affermazione che sia un mostro. A tal fine, Tyrion ha il più grande cuore di tutti i personaggi, trasformando la sua statura in forza.

Nessun prodotto nel carrello.

#site-header .h-fixed .primary-menu > li > a {color:#121F37!important; }